Chi Siamo


Mi chiamo Teresa: il caseificio Reggiani è il frutto del lavoro e della passione della mia famiglia.
All’inizio eravamo solo io e mio marito, con una stalla e 5 mucche. La nostra era una piccola fattoria, ma ci dava tutto quello di cui avevamo bisogno per vivere. Facevamo il fieno, mungevamo le mucche nel cortile, vendevamo il latte. Era un lavoro duro, ma che dava tante soddisfazioni. Poi hanno iniziato a nascere i vitellini, sono cresciuti e la nostra stalla si è ingrandita sempre di più. Anche la nostra famiglia si è allargata: è nato nostro figlio, il più bel regalo che la vita potesse darci. Certo, abbiamo affrontato tante difficoltà, ma abbiamo sempre tenuto duro. La nostra passione ci ha permesso di portare avanti il nostro sogno.

Sono passati più di 30 anni: oggi abbiamo 1200 vacche e il nostro modo di allevarle non è cambiato. Sono libere nella stalla, il toro fa il suo lavoro e vengono nutrite solo con fieno e cereali coltivati da noi.

8 anni fa, abbiamo deciso di fare un ulteriore passo in avanti: abbiamo iniziato a produrre latte biologico.
Ma la vera novità è arrivata solo 2 anni e mezzo fa. Coltivavamo il foraggio, avevamo le mucche, producevamo il nostro latte: perché non iniziare a fare anche il formaggio? Non avevamo nessuna esperienza, ma ci siamo buttati comunque in questa impresa.
Oggi produciamo Parmigiano Reggiano, caciotta, burro, mozzarella, ricotta e altri prodotti, tutti biologici.
Siamo molto legati alla nostra tradizione, ma sappiamo che per migliorare serve un po’ di innovazione. Così, da qualche mese, abbiamo iniziato a riciclare i rifiuti organici degli animali per produrre luce ed acqua calda. E’ un passo importante da fare, ma possiamo già vedere i primi risultati. Non sprechiamo niente e sfruttiamo al meglio ogni risorsa che abbiamo.

La nostra fattoria è aperta a chiunque voglia vederla, siamo sempre molto contenti di mostrarla a chi viene a trovarci. Facciamo due chiacchiere, un giro per la stalla, portiamo i bambini a vedere i vitellini, e mostriamo come produciamo il formaggio.
Il nostro lavoro è il nostro sogno, la nostra vita. E questa è una storia che raccontiamo volentieri.