Bio o non bio? Le differenze ci sono e non poche.




Ti sei mai domandato quali siano le reali differenze tra un prodotto Biologico e uno non Biologico

Noi del Caseificio Bio Reggiani proveremo a darti una risposta chiara e semplice in questo articolo, sulla base della nostra esperienza nel campo.

Tanto per incominciare va sottolineato che Biologico non è un concetto universale. A seconda della nazione in cui ti trovi o della certificazione cui stai facendo riferimento, potrebbero cambiare parametri e linee guida. In generale comunque per prodotto Biologico intendiamo un prodotto ottenuto con metodi naturali, escludendo trattamenti genetici e l'utilizzo di agenti chimici.

Parliamo dunque di prodotti e processi che mettono al primo posto la salute del consumatore, il rispetto dell'ambiente e degli animali.



Nei prodotti non bio tutto questo non avviene o meglio non si è vincolati in alcun modo a farlo. Sta poi alle scelte delle singole aziende decidere se limitare o meno l'utilizzo di agenti chimici durante i processi o più in generale decidere quanto curare la qualità dei prodotti. 

Il mondo del Biologico, da un punto di vista normativo appunto, è regolato da sistemi di certificazioni, che vengono rilasciate dagli enti preposti solo se si rispettano linee guida molto rigide e stringenti. Tali "limitazioni" come abbiamo già detto prima, sono una garanzia per la salute del consumatore, ma allo stesso tempo (in molti casi) diventano anche un costo notevole per chi produce. Questo è il motivo per cui quando vedi prodotti bio sugli scaffali noti un sovrapprezzo (più o meno leggero)... ma trattandosi della tua salute, non potrebbe comunque valerne la pena?

Andando più nello specifico, iI nostro Caseificio produce Parmigiano Reggiano Biologico e siamo uniformati alle linee guida della certificazione CCPB. Qui di seguito ti elencheremo punto per punto le regole che siamo contenti di essere costretti a rispettare, per poter apporre il marchio "Bio" sul nostro Parmigiano:

- Non possono essere usati pesticidi o diserbanti. Grazie a questo vincolo l'erba con sui si nutrono le nostre vacche è naturale al 100%. Così facendo possiamo garantire una qualità decisamente superiore del latte e quindi del Parmigiano. Inoltre, questa dieta sana e genuina allunga la vita ai capi (da una media di 4/5 anni per gli allevamenti intensivi a 6/7 anni). 

- Per ogni capo adulto dobbiamo garantire almeno un ettaro di terreno (questo ci porta ad avere 1650 ettari di terreno in totale che si espandono dalla provincia di Bologna alla provincia di Reggio Emilia). In stalla il bestiame deve essere lasciato libero e tra una vacca e l'altra ci devono essere almeno 5/6 metri di spazio, per consentire un movimento naturale e non costretto.



- Gli antibiotici possono essere somministrati massimo 1 volta l'anno per ciascun animale. La nostra scelta personale è quella di non utilizzarli affatto.

- Il mangime che funge da nutrimento per il bestiame deve anch'esso possedere la certificazione BIO. Noi utilizziamo il PROGEO, composto da fieno, mais, soia e orzo.

- Devono assolutamente essere presenti pascoli esterni



Tutte queste buone pratiche che rispettiamo quotidianamente si ripercuotono automaticamente sulla qualità del nostro Parmigiano Reggiano che, già di per se, è un prodotto naturale e di eccellenza. Basti pensare che l'unico conservante di cui necessita è il sale, conservandosi fino a 72 mesi, guadagnando in note di sapore.

Le sue qualità uniche, assieme alla scelta Bio, lo rendono senza ombra di dubbio uno dei formaggi più incredibili al mondo.

Con ciò, non vogliamo affermare che i prodotti non Bio non debbano essere acquistati e/o demonizzati. E' giusto però che il consumatore sia a conoscenza di quello che mangia, delle differenze che ci sono e degli sforzi che stanno dietro alla scelta di una produzione a stampo Biologico.

Ti abbiamo convinto? Se sì, allora forse dovresti farti un giro nel nostro shop online, dove troverai solo prodotti Bio ;)

visita il nostro shop